Sostegno finanziario

per i marittimi indigenti, le loro famiglie, le vedove e gli orfani

Cerchiamo di spiegare alcune cose in anticipo e per favore prenditi il ​​tempo e leggi fino alla fine. Grazie mille

Ci sono spesso storie tristi che si sentono dai marittimi: giovani ben formati, studiati, sono alla disperata ricerca di lavoro e sono sfruttati. Alcuni vogliono restare fedeli al lavoro dei loro sogni nel trasporto marittimo e accettano inevitabilmente condizioni oltraggiose per lavorare sulle navi. altri semplicemente rinunciano al loro sogno.

Così anche Frederike Hauke ​​(26). Proviene da una famiglia di marinari e voleva fare lei stessa esperienza sugli oceani del mondo. Durante i suoi studi, si è candidata a diverse compagnie di navigazione per completare lo stage di cui aveva bisogno. Lei ha ricevuto offerte da compagnie di navigazione. “Ma ti avrebbero assunto solo per vitto e alloggio”. Avrebbe dovuto pagare lei stessa il viaggio e i certificati necessari.

Ma nonostante la bandiera di comodo e la mancanza di competenza commerciale, accade spesso che gli armatori lascino la loro nave in porto, da qualche parte nel mondo. Accettano senza scrupoli che i marinai rimangano a bordo senza cibo e senza paga (per diversi mesi). Nessuna possibilità di iniziare il viaggio di ritorno a casa e/o di trovare un lavoro altrove. Il motivo è che l’armatore non ha consegnato i documenti di lavoro e i documenti ai marinai. Questo di solito avviene per avidità e con l’inclusione di una mancanza di forza di carattere e una mancanza di rispetto, nonché una mancanza di senso di responsabilità.

E questi non sono casi isolati !

Si tratta di una situazione in cui molte compagnie di navigazione in tutto il mondo stanno sfruttando un’altra possibilità di bandiere di comodo per risparmiare denaro. Di norma, le navi dell’armatore battono bandiera del proprio paese d’origine. Indica che l’imbarcazione è soggetta alla legge del suo paese di origine. Con l’abbozzo e l’uso di un’altra bandiera di comodo, si applica una legge diversa.

La ragione di ciò è: che i costi del personale, ad esempio per container, navi cisterna e navi da crociera, rappresentano il 42% dei costi operativi per gli armatori locali, in modo da ottenere notevoli risparmi qui.

Ciò può portare ad una mancanza di accordi e controlli di contrattazione collettiva, e quindi a contributi sociali e pensionistici non pagati e / o ridotti, in modo che ai marittimi non sia dovuto alcun diritto o solo una percentuale ridotta. Il che alla fine contribuisce al fatto che i marittimi sono senza un soldo dopo il loro viaggio per mare. Non per sua colpa sono coinvolte contemporaneamente anche le mogli, i familiari e / o le vedove.

Per questi motivi, la Nanoug Foundation si impegna a mettere a disposizione mensilmente il necessario e urgente costo della vita. Tra questi vi sono anche i marinai senza un soldo, le loro famiglie, le vedove e gli orfani che vivono altrove e che non usufruiscono delle abitazioni in una delle dodici località.

Inoltre, la “Nanoug Foundation” copre le spese di viaggio e le spese per i certificati necessari per tirocinanti, stagisti e studenti in modo che tu possa completare il tuo stage senza preoccupazioni.

Questo è finanziato al 70% dalla Nanoug Shipping Company, nonché dalla Nanoug Foundation, oltre che con donazioni e anche attraverso il supporto di compagnie di navigazione e commercianti.

E per continuare a farlo, vi chiediamo aiuto e sostegno. Ogni donazione, piccola o grande che sia, ha un grande effetto.

Gente di mare – Famiglie – Vedove – Orfani

3.930€ su 200.000€ raccolti
Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Totale Donazione: 10,00€